Crea sito

Venerdì 15 Marzo

allferov

Zhores Alferov

Zhores Ivanovich Alferov nasce il 15 marzo 1930 a Vitebsk (Bielorussia) da una famiglia di condizioni modeste: fin dall'infanzia dimostra un'ottima capacità di osservazione e deduzione dei fenomeni naturali, venendo paragonato dai suoi maestri ad un "novello Newton".
Frequenta il liceo nella città di Minsk e nel 1952 si laurea presso il dipartimento di Elettronica dell'Istituto Elettrotecnico Lenin a Leningrado (oggi San Pietroburgo), dove ottiene il dottorato in fisica e matematica (1970) e dove poi gestisce diverse posizioni, tra le quali direttore e responsabile scientifico dell'istituto.
Nel 1962 Alferov inizia ad interessarsi alla fisica e elettronica delle eterostrutture dei semiconduttori del III/V gruppo: continua ad applicarsi alla materia, fornendo contributi talmente importanti da costituire la base per la realizzazione del moderno laser, delle celle solari, dei diodi ad emissione luminosa e dei fotosensori.
Zhores Alferov riceve nel 1972 il Premio Lenin, il premio scientifico di maggiore rilevanza. Nel 1989 viene eletto alla presidenza del "Leningrad Science Centre" dell'Accademia delle Scienze russa. Nel 1990 è eletto vice-presidente della "Russian Academy of Sciences", mentre nel 1995 assurge a consulente delle Scienze ed Educazione della Duma, cercando di promuovere al meglio la ricerca scientifica presso gli organi governativi.
Riceve nel 2000 il Premio Nobel per la Fisica, insieme a Herbert Kroemer per "aver sviluppato le eterostrutture dei semiconduttori usate per l'elettronica ad alta velocità e in optoelettronica". Due anni più tardi riceve la Targa d'Oro per i risultati accademici negli Stati Uniti, la Medaglia d'Oro della Società Internazionale di Ingegneria ottica e infine nel 2005 il Global Energy Prize della Federazione Russa.
Attualmente è direttore scientifico del Centro per la Fisica delle Etero-nanostrutture allo Ioffe Institute, in Russia, ed è l'editore del giornale "Technical Physical Letters", tramite le cui pagine promuove indefessamente la scienza in tutte le sue forme, come motore principale dell'avanzamento della civilizzazione; in particolare l'attenzione di Alferov come studioso è rivolta alle risorse energetiche, specialmente per ciò che riguarda l'ottimizzazione della conversione dell'energia solare fotovoltaica, cercando di applicare le sue conoscenze sui semiconduttori dei quali è detentore del massimo know-how.


UNA SUA FRASE
"Quando ero un ragazzino di dieci anni, ho letto un libro meraviglioso "Due Capitani" (di V. Kaverin). In sostanza, nella mia vita ho seguito il principio che era strano il personaggio principale di quel libro: si deve compiere sforzi e cercare. E dopo aver raggiunto l'obiettivo, a prescindere dallo scopo, si deve compiere sforzi ancora una volta. E' di grande importanza conoscere ciò per cui stai lottando."