Crea sito

Percorso

Domenica 4 Febbraio

Jacques-Prevert

Jacques Prévert

Il poeta e sceneggiatore francese Jacques Prévert nasce il 4 febbraio del 1900 a Neully sur Seine. E' il secondo dei due figli della coppia formata da Suzanne Catusie e André Prévert. Con il fratello Pierre si crea da subito un legame molto intenso che i due manterranno nel corso delle loro intere vite, collaborando spesso anche da un punto di vista lavorativo.
Dopo un periodo caratterizzato da notevoli difficoltà economiche, il padre viene assunto presso l'Ufficio centrale dei poveri di Parigi dove lo segue l'intera famiglia. Spesso lo stesso Jacques accompagna il padre nelle sue visite di lavoro ai poveri della città, e il misero spettacolo a cui assiste rimane così impresso nella sua memoria da diventare protagonista di alcune scene del film che scrive per Marcel Carné "Les enfants du paradis".
L'influenza dei gusti paterni sarà fondamentale: André è un grande appassionato di teatro e anche nei momenti di maggiore ristrettezza troverà sempre il denaro necessario a portare i suoi figli a teatro e al cinema. Poco incline ad adattarsi alla disciplina scolastica, Jacques abbandona gli studi a quindici anni, dopo aver conseguito la licenza media. Da questo momento farà una serie di lavori per potersi mantenere, tra cui un impiego ai grandi magazzini Le Bon Marché.
Nel 1920 parte per il servizio militare ad Istanbul, dove comincia ad avvicinarsi alla politica. Il periodo militare sarà importante anche per le due importanti amicizie che allaccia con Yves Tanguy e Marcel Duhamel, che diventerà un importante editore e direttore della famosa Série noir di Gallimard. E proprio quest'ultimo ospita Yves, Jacques e il fratello Pierre, che diventerà regista, nella sua casa parigina di Montparnasse.
Nel 1922 Jacques Prévert si avvicina al circolo dei surrealisti, frequentando André Breton, Raymond Queneau, Louis Aragon e Antonin Artaud. Allaccia con i surrealisti un rapporto che rimane molto intenso per circa quattro anni dal 1925 al 1929. Il legame si incrina quando pubblica nel 1929 uno scritto dal contenuto provocatorio "Mort d'un monsieur", in cui polemizza sulla supremazia intellettuale di Breton. Lo scritto determina la rottura dei rapporti tra i due e il successivo allontanamento di Prévert dal gruppo surrealista. Comincia intanto a collaborare con la rivista Commerce che annovera tra i suoi redattori anche Giuseppe Ungaretti.
Prévert si avvicina intanto al mondo del teatro grazie al Gruppo Ottobre che lo contatta per scrivere una serie di testi legati all'attualità politica; i testi avrebbero dovuto essere presentati anche nelle fabbriche in sciopero. Collabora con il gruppo per ben quattro anni dal 1932 al 1936, intervallando la scrittura teatrale con la stesura di sceneggiature cinematografiche per Jean Renoir, ma soprattutto per Marcel Carné, per il quale scrive: "Quai de brumes" (1938), "Le jour se lève" (1939), "Les visiteurs du soir" (1942), "Les enfants du paradis" (1943), "Les portes de la nuit" (1946).
Collabora anche con il fratello Pierre Prévert scrivendo le sceneggiature per i film: "L'affaires est dans le sac" (1932) "Adieu Lèonard" (1943) e "Voyage surprise" (1946). Scrive contemporaneamente molti testi per bambini che il fratello Pierre mette in scena per la televisione.
In questo periodo vive lontano da Parigi a Tourette de loupe, dove lo hanno raggiunto degli amici per lavorare alla realizzazione dei film. Torna nella capitale solo nel 1945 alla fine del conflitto mondiale. Nello stesso anno pubblica la sua prima raccolta di poesie, "Paroles" che riceve una calorosa accoglienza da parte della critica letteraria. Stessa sorte avranno anche le successive raccolte poetiche: "Spectacle" (1949); "La pluie et le beau temps" (1955); "Choses et autres" (1972).
Nel periodo che va dal 1945 al 1947 si impegna nuovamente a teatro, mettendo in scena un balletto alla cui realizzazione collabora anche Pablo Picasso.
Nel 1948 è vittima di un terribile incidente: cade alla finestra degli uffici della Radio e rimane in coma per alcune settimane. Dopo il risveglio si trasferisce con la figlia Michelle e la moglie nella cittadina di Saint Paul de Vence, dove rimane stabilmente fino al 1951.
Il periodo di convalescenza non è però di riposo: scrive il soggetto del film "Les Amants de Vérone" per André Cayatte. Torna a Parigi nel 1955 e comincia ad appassionarsi all'arte ed in particolare al collage: espone le sue opere nel 1957 e pubblica un volume su Mirò nel 1956. Nel 1966 viene pubblicato "Fratras" che contiene 57 dei suoi collages.
Trascorre l'ultimo periodo della sua vita a Omonville la Petite, dove vive in maniera abbastanza isolata ricevendo solo pochi amici tra cui Yves Montand, Juliette Greco, Raymond Queneau, Joseph Losey e l'attore Serge Reggiani.
Jacques Prévert muore l'11 aprile del 1977 a seguito di un tumore ai polmoni.

UNA SUA FRASE
"Bisognerebbe tentare di essere felici, non fosse altro per dare l'esempio."

Personaggio famoso nato oggi

Mara Venier

Mara Venier
Mara Venier (il cui nome vero è Mara Provoleri) nasce il 20 ottobre del 1950 a Venezia.
UNA SUA FRASE
"Mi fermo solo quando sbatto la capoccia. Se non becco la tranvata non sono contenta."

Leggi tutto...

Storie di ordinaria BlogMania

ElencoBlog.net

Follow Us On Twitter - Image

Almanacco

Il Sole sorge alle 06:27 e tramonta alle 18:22
Il nome..
Leggi tutto...

I consigli quotidiani della Luna

Il Sole è nel segno della Bilancia, la Luna è crescente in Pesci. Giorno molto forte di energia, perfetto per iniziare una nuova vita.

Leggi tutto...

Per chi è nato oggi

Caratteristiche e il dono dell' Angelo custode di chi è nato oggi.
.. il tuo spirito è essenzialmente contemplativo e tu lo coltivi sia nel rapporto con la natura che nei tuoi interessi artistici. Nel lavoro ti mostri un ottimo collaboratore, e in amore..
Leggi tutto...

Astro notizie

Venere retrograda.. se l’amore ci ripensa..

Nella serata del 5 ottobre Venere darà il via al suo moto retrogrado che manterrà poi sino a metà novembre e che, a fine ottobre, la riporterà nel segno della Bilancia, dove gode del domicilio..

Leggi tutto...

Lo zodiaco a tavola

LA LUNA DEL WEEKEND.. CONSIGLIA

LA TORTA DI MELE E NOCCIOLE

Cosa c'è di meglio, nelle grigie giornate d'autunno di una soffice torta di mele che cuoce nel forno?

Leggi tutto...